Ex Mangimificio (Silea)

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image

L’edificio sorge lungo il fiume Sile, sulla sponda opposta rispetto al cimitero dei Burci. Costruito dalla famiglia Pagnan per ampliare la produzione di mangimi,viene abbandonato dopo la fine dell’attività e l'acquisizione della società da parte della multinazionale americana Cargill.

La fabbrica è stata avvolta da un alone di mistero nel 2017, quando è stato ritrovato il corpo di un uomo morto in circostanze misteriose all’interno dell’edificio. Pare che il caso sia ora avviato all’archiviazione, pur non essendo mai state chiarite le dinamiche del decesso.

Attualmente una parte dell’area risulta occupata abusivamente.

Il complesso rimane a testimoniare la prolifica storia industriale delle sponde del fiume sile

L'area è definita come "Opere incongrue ed elementi di degrado ", all'interno di Contesti territoriali destinati alla realizzazione di programmi complessi . Si trova inoltre all'interno di un' area con vincoli naturalistici dovuti al parco naturale regionale del Sile. Qui la mappa completa

Qui puoi trovare una foto a 360° dell'interno dell'edificio

Qui invece trovi un articolo di giornale che parla del macabro ritrovamento